Posts contrassegnato dai tag ‘Michael C. Hall’

In attesa di decidere la prossima serie televisiva, ho pensato di spendere due parole per questo attore che ha dimostrato di avere ottime capacità. La mia conoscenza di mister Hall è avvenuta al contrario: avendo iniziato a vedere prima Dexter e poi Six feet under (che è il telefilm di questo periodo). Ha fatto anche qualche film, di cui il più famoso pervenuto in Italia probabilmente è Paycheck e anche qualche altra serie Tv, ma sono in quelle sopracitate che è protagonista indiscusso. Vediamo un po’: in ordine cronologico lo troviamo impresario funebre di Los Angeles, gay, isterico e insicuro; dal 2006 invece è un ematologo della scientifica di Miami di giorno e serial killer freddo e spietato di notte.

Qui più in versione Six feet under

Due ruoli antitetici come l’est e l’ovest dove si svolgono i due telefilm, che però l’attore non pare abbia problemi a rappresentare. Di sicuro è in Dexter che dimostrerà tutta la sua bravura riuscendo perfettamente a dare quelle sfumature e quella profondità al personaggio che sono sicuramente tra gli elementi che più hanno contribuito al successo della serie.Non è il solito ruolo in cui basta fare il cattivo assetato di sangue: Dexter è un poliziotto, un serial killer, il fratello di un poliziotta, il figlio di una tossica, il figlio adottivo di un poliziotto in gamba, un padre e un marito, un giustiziere e Hall riesce perfettamente a rendere ogni cosa conferendo delle caratteristiche che rendono la visione ma, soprattutto, la comprensione della storia e del personaggio di Dexter molto più fluidi e immediati.

Bello, cattivo, sporco e sudato

Durante Six feet under il suo personaggio ha evoluzioni e un cambiamenti (come avviene per tutti i protagonisti che militano nella serie): se nella prima stagione è un figlio che deve gestire l’impresa funebre di famiglia, frustrato di non riuscire a vivere a pieno la sua omosessualità, insicuro, impaurito e pieno di rancore verso il fratello che appena ha potuto se n’è andato pur di non fare il becchino. Puntata dopo puntata e stagione dopo stagione David Fisher riuscirà a prendere sempre più coscienza di sè stesso, lo vediamo molto meno impegnato con il lavoro e prendersi un po’ di quella libertà che gli era stata preclusa essendosi sacrificato per il bene della famglia a discapito della propria vita privata. Mentre l’evoluzione e i cambiamenti di Dexter sono molto privati, personali, più da considerarsi come un viaggio introspettivo; tutto ciò che accade a David dipende molto anche da chi lo circonda ed è normale: il serial killer è solo, tutta la vita che si costruisce è una copertura del suo vero io, l’impresario funebre invece ha un’impresa di famiglia e in essa fatica a trovare una sua identità.

Personalmente da me molti applausi per lui e per la professionalità con cui ha continuato a lavorare nonostante il linfoma.

Annunci